LA DIRETTIVA
Oms: bambini fino ai due anni mai davanti a uno schermo
Oms: bambini fino ai due anni mai davanti a uno schermo

Meno ore passate davanti ad uno schermo o seduti in passeggino, oltre rispettare le giuste ore di sonno, aiuta i bambini a crescere più sani e previene l'obesità. È quanto rileva l'Organizzazione mondiale della Sanità in una direttiva che riguarda la salute dei bimbi di meno di cinque anni per i quali è salutare, si spiega, stare meno in passeggino, dormire il giusto e dedicare più tempo ai giochi attivi. Non c'è nulla di più sbagliato dunque per l'Oms di quei bambini che seduti nel passeggino giocano con il tablet, un'immagine ormai sempre più frequente nelle nostre città.

L'Organizzazione mondiale della sanità, sottolinea infatti come la prima infanzia è un periodo di sviluppo estremamente rapido nel corso del quale i modelli di vita familiare vanno adattati alle esigenze dei bambini per garantire loro salute e benessere. Quindi male portare i piccoli la sera al ristorante rubando loro preziose ore di sonno, magari lasciandoli seduti a lungo a giocare con i nostri cellulari perché non diano fastidio. Nella direttiva appena pubblicata, il gruppo di esperti Oms indica estremamente dannoso per un bambino di meno di 5 anni un periodo di sonno insufficiente così come il lasciarlo per ore nel passeggino o davanti ad uno schermo.

Secondo gli esperti è assolutamente vietato posizionare un bimbo di meno di due anni davanti al Pc o alla Tv. Anche quando i bimbi di meno di un anno non stanno ancora in piedi è bene sollecitarli più volte al giorno, ad esempio con mezz'ora di attività fisica sul ventre. Il sonno deve variare tra le 14 e le 17 ore al giorno fino a tre mesi, e tra le 12 e le 16 ore tra i 4 mesi e l'anno di età. Dal primo anno in poi all'attività fisica non possono essere dedicate meno di tre ore al giorno mentre il sonno passa tra le 11 e le 14 ore. Dai due anni in poi il bambino non dovrebbe comunque mai rimanere esposto passivamente davanti ad uno schermo più di un'ora al giorno.

Tra i 3 e i 4 anni l'attività fisica passa a tre ore al giorno delle quali almeno un'ora di movimento moderatamente vigoroso, le giuste ore di sonno diventano tra le 10 e le 13. Dunque, secondo l'Oms, aumentare l'attività fisica, ridurre i comportamenti sedentari e rispettare i giusti tempi di riposo nei bambini può contribuire a mantenere delle buone abitudini nel corso dell'adolescenza e dell'età adulta. «Ciò di cui abbiamo realmente bisogno è riportare i bambini al gioco» sottolinea Juana Willumsen, responsabile Oms per la lotta contro l'obesità e l'attività fisica nei minori.

Giovedì 25 Aprile 2019, 12:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL MATTINO
staibene.it